The Comfort Of An Endless Pain Book Cover The Comfort Of An Endless Pain
Drowning Steps
Progressive rock
27 6 2017
Download
Brasile
44’ 50”

 

Biografia

Partita come one-man band nel 2016, nel nome del chitarrista e cantante brasiliano Caio Claro, i Drowning Steps hanno raddoppiato due anni dopo aggiungendo il tastierista di stessa etnia Tiago Pierucci. Attorno a loro si attestano altri musicisti. Sono fautori di un progressive rock suadente e romantico.

Discografia

Even if… (atoproduzione, EP, 2016)
The Comfort Of An Endless Pain (autoproduzione, 2017)

 

In bilico tra uno Steven Wilson svuotato di ogni energia (e chitarra distorta), e certe (magnifiche) band anni ’80 come i delicati e quasi art-decò Felt di quel gran chitarrista mai troppo considerato che si chiama Maurice Deebank – e meriterebbe un discorso a parte – i Drowning Steps sono un duo carioca che si affaccia all’esordio sulla lunga durata (dopo due EP) con un lavoro che già dall’ossimorico titolo suggerisce il succo del loro essere.

Il conforto di un dolore senza fine, del resto, si attaglia perfettamente alle sorti del genere dentro il quale la coppia si dibatte: quel Progressive rock che dopo un lustro di mirabilie e pubblici riconoscimenti ha visto diventarne i fautori – musicisti e fan insieme – il popolo d’Israele del rock: perseguitati da tutti, media e mondo discografico uniti in una guerra denigratoria senza precedenti e senza tregua.

Ciononostante le braci del Prog rock sono rimaste a covare sotto la cenere a lungo, fino a quando la storia ha concesso loro una seconda chance, di avvampare in un rogo che nell’ultimo ventennio è andato ingrossando fino a inglobare musicisti dai quattro angoli del mondo. Tra questi i brasiliani Drowning Steps il cui nucleo iniziale era composto dal solo Caio Claro, che compone canta e pizzica tutte le chitarre, al quale Tiago Pierucci si è affiancato prima come produttore, e poi come metà in pianta stabile suonando tutte le tastiere. Un pugno di amici, inoltre, si prodiga per aggiungere sfumature a base di flauto, batteria e percussioni, basso e altre chitarre.

  Caio Claro, Tiago Pierucci

Ne consegue una serie di quadri sonori di rara raffinatezza che vanno a delineare The Comfort Of An Endless Pain, la cui intensità è dettata – in opposizione al rock tout-court, quello tutta fisicità ed elettricità battagliere – da una sorta di abbandono quasi compiaciuto alle forze cieche e ineluttabili di un destino – la vita che ci è concessa – fatta in primo luogo di sofferenza. Una consapevolezza che spinge i Drowning Steps – musicalmente – a non opporsi, né in una futile resistenza né in una stolida passività, operando invece con orgogliosa, inusitata, eleganza che trova risoluzione nel corpus sonoro di tutti i titoli che si accumula come a comporre un disegno unitario.

Da Cold Dew Drips, che apre veleggiando sulle note di chitarra e piano acustici in modo nostalgico, alla pastorale orchestrazione di Even If…; da A Perfect Day To Cry che alza la testa a A Perfect Day To Cry, Pt. II, tra Anthony Phillips, primo chitarrista dei Genesis, e ancora Steven Wilson – separate dal carezzevole frammento elettro-acustico di Morning Prelude –; dalla lunga e cangiante The Darkest Morning che sul finale si infiamma a The Wonderful Life We Never Had, delicato arazzo dalla certosina trama acustica, tutto è grazia ed emozioni sussurrate ma non per questo prive di slancio.

Una citazione è d’obbligo per la copertina che anticipa in modo sorprendente il feeling di La forma dell’acqua, film premio Oscar di Guillermo Del Toro: realizzata da Ana Marija Timarac, è capace di riassumere in un solo sguardo la meraviglia che vi dischiuderà il gioiello musicale intitolato The Comfort Of An Endless Pain.


(Visited 36 times, 1 visits today)
Spread the word of T.A.R.O.T.
  • 44
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
  •  
    44
    Shares
  •  
    44
    Shares
  • 44
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •