Growing Up Live Book Cover Growing Up Live
Peter Gabriel
Rock
8 2 2019
Download, streaming
UK
Real World
128’ 45”

 

Esce il nuovo disco di Peter Gabriel che nuovo non è. E nemmeno disco, in verità.

In questi tempi liquidi, per dirla alla Zygmunt Bauman, anche la musica scaturisce da fonti, appunto, che non hanno più nulla di concreto. E pure la concrete music oggi perderebbe la sua solidità (per lo meno) per definizione.

Growing Up Live (2019) è la versione audio, solo in download/streaming, di ciò che si era già visto (e sentito) nel 2003 con lo stesso titolo ma in formato DVD. Nulla di più. Tanto per rischiare poco e raschiare il barile.

All’epoca erano 10 anni che Gabriel non girava in tour. Se calcoliamo anche quanto ci mette a buttare fuori un album di materiale nuovo uno pensa che abbia 150 anni. Invece ama solo prendersela comoda. Come non comprenderlo.

Il tour è quello del 2002/2003 che seguiva la release di Up: 32 date che hanno toccato USA, Canada ed Europa. Con uno show che, come nella tradizione di uno degli spiriti più innovativi e sorprendenti del mondo del rock, non mancava di sorprendere. E un palco affollato da una cospicua parata di ospiti che sono The Blind Boys of Alabama, Dr Hukwe Zawose, Charles Zawose, Sevara Nazarkhan; oltre ai membri della band, ‘storici’ o freschi di annessione: Ged Lynch (batteria), Tony Levin (basso), David Rhodes (chitarre), Richard Evans (chitarre e voce), Rachel Z (tastiere e voce0), Melanie Gabriel (voce) e ovviamente il di lei padre e padrone di casa Peter Gabriel.

Gabriel, per la seconda volta nella sua discografia live – e non è poco per una icona straniera – sceglie di mettere in commercio il meglio della registrazione di due concerti avvenuti in Italia, quelli delle notti del 8 & 9 maggio 2003. Ci sono i “grazie”, insieme a qualche altra frase smozzicata in gergo locale, di Gabriel, a certificare, e parole in linguaggio nativo espettorate dagli indigeni in delirio.

Tra i brani la parte del leone la fanno quelli tratti dal recente – allora – Up. Poi seguono ‘bandiere’ estrapolate da So, Us, OVO e I.

Non c’è altro da aggiungere su quella che è una operazioni di marketing. Crowfunding, se preferite esprimervi come chi sa le lingue. Il giudizio sarà comunque positivo: 1 stella per l’affetto verso il titolare della premiata ditta, 1 stella per la stima dell’artista al di là del prodotto in questione, 1 stella per qualità della performance che con Gabriel, pur nella delusione di certe scelte discutibili, non può scendere sotto determinati standard.

 

(Visited 78 times, 1 visits today)
Please follow and like us:
RSS
Follow by Email
Facebook0
Facebook
Pinterest0
LinkedIn
Instagram20